News

Published on settembre 17th, 2017 | by Paolo Zani

0

Bachelite e dintorni. Un’inconsueta mostra al Museo del Bijou di Casalmaggiore

No, non c’è stata  l’interferenza di qualche hacker!
Vi trovate sul sito Tuttoprevidenza.
Solo che oggi, anzichè parlare di argomenti seri come quello delle pensioni, ho pensato di fare uno strappo alla regola per pubblicizzare una mostra sicuramente originale vuoi per i pezzi esposti (manici da ombrello) vuoi per la curiosa iniziativa industriale che, a dire il vero,  non è nemmeno partita.
Un po’ di storia.

La strana storia dei manici d’ombrello

Fulvio Rangoni e Umberto Ghezzi, due artigiani di Casalmaggiore, pensarono intorno al 1956 di inventarsi un nuovo mestiere: creare manici di ombrello in galalite. Il nome della loro azienda era FAIO, Fabbrica Artigiana di Impugnature di Ombrello, e vi collaboravano anche le mogli, Franca e Wilma, e i loro bimbi, Franco e Ariela. Le stecche di galalite venivano immerse in enormi pentoloni di acqua bollente, azione che avrebbe permesso di rendere malleabile, lavorabile la materia: Rangoni e Ghezzi davano ad ogni pezzo di resina una forma diversa, una decorazione unica, un tocco speciale, creando così piccoli capolavori di “plastica” e “intaglio”. Oltre 150 pezzi riuscì a creare come campionario la ditta FAIO: pronti per affrontare il mercato e cominciare a proporsi per la vendita. Ma la loro impresa andò a cozzare con la novità di un materiale appena lanciato sul mercato, il Moplen. Era polipropilene isotattico, scoperto da Natta nel 1954: oltre all’alta resistenza meccanica, era molto economico da lavorare e soprattutto poteva essere stampato, proprietà che non aveva la galalite. Quei manici unici che Rangoni e Ghezzi avevano creato non avevano mercato, non potevano reggere contro la concorrenza del Moplen. La ditta non decollò mai, ma il campionario realizzato non venne disperso…

Vi aspetto a visitare questa mostra sicuramente curiosa e inconsueta!

Paolo Zani

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

prova



Comments are closed.

Back to Top ↑