News

Published on febbraio 6th, 2015 | by Paolo Zani

0

Pensioni gennaio 2015.Diminuite anziché aumentate: come mai?

Nel gennaio 2015, 16 milioni di pensionati, si aspettavano di veder aumentare -seppur di poco-la loro pensione; la cosa, per altro, era stata anticipata anche da me  in un articolo del dicembre 2014.
Contrariamente alle aspettative la rata in pagamento a gennaio ed anche a febbraio è risultata inferiore addirittura a quella di dicembre 2014.
Cosa potrebbe , o meglio cosa è successo?
Cerco, qui di seguito, di darVi una spiegazione logica, se la logica ha senso quando si tratta di previdenza con l’INPS!

L’aumento previsto per l’anno 2015 è previsto nella misura dello 0,30 per cento per le pensioni fino a 1.502,64 euro e via via decresce secondo la tabella che segue:

Importo lordo complessivo percepito a dicembre 2014 Aumento % 2015 Aumento mensile Massimo
Fino a tre volte il T.M. 1.502,64 € 0.30%(100% dell’indice ISTAT) 4.50 €
Fino a quattro volte il T.M. Tra 1.502,64 e 2.003,52 € 0.285%(95% dell’indice ISTAT) 5.71 €
Fino a cinque volte il T.M. Tra 2.003,52 e 2.504,4 € 0.225%(75% dell’indice ISTAT) 5.63 €
Fino a sei volte il T.M. Tra 2.504,4 e 3.005,28 € 0,15%(50% dell’indice ISTAT) 4.50 €
Oltre sei volte il T.M. Oltre 3.005,28 € 0,14%(45% dell’indice ISTAT)

Questo vuol dire che su una pensione di 1.000 € l’aumento dovrebbe essere  di 3 €.

C’è da tenere conto però, che l’aumento previsto per il 2014 era stato fissato nell’1,2% mentre quello accertato (definitivo ) è stato fissato nel 1,1%.
Questo porta ad un recupero di quanto corrisposto in più (lo 0,1% sull’intero ammontare annuo della pensione).
Questo recupero viene effettuato sulle rate di gennaio/febbraio 2015.

Esempio

Pensione lorda = 1.000 € mensili nel 2013
Aumento mensile corrisposto nell’ anno 2014 per effetto dell’aumento programmato (1,2%) = 12 € mensili.
Aumento dovuto a seguito indice definitivo (1.1%) = 11 € mensili
Differenza = 1 € al mese erogato in più
Differenza annuale da recuperare = 13 € (1€ * 13 mensilità)

L’aumento teorico dovrebbe essere di 3 € sulla rata di gennaio ma su questa rata bisogna recuperare i 13 € di debito relativo all’anno 2014.

Bontà dell’INPS recuperarlo su due rate.

 

Questo “debito” va recuperato su tutte le pensioni in misura variabile a seconda dell’indice applicato .
Oltre questo debito potrebbero esserci anche dei conguagli fiscali che variano da situazione a situazione.

 

Certo che se l’INPS inviasse o mettesse a disposizione di tutti il modello OBis M = la carta d’identità delle pensioni,  non ci sarebbero problemi e malintesi.

 

Un approfondimento sul tema nel N° 111 di Previdenza Flash

Tutti i numeri di Previdenza Flash li trovate qui

Tags: , ,



Comments are closed.

Back to Top ↑