Previdenza Flash

Published on Settembre 1st, 2014 | by Paolo Zani

0

Invalidi civili: semplificazioni amministrative

E’ stato pubblicato il numero 97 di Previdenza Flash che tratta delle semplificazioni introdotte per gli invalidi civili.

Il decreto legge n° 90/2014 convertito dalla legge 11 agosto 2014, n. 114 contiene importanti disposizioni in materia di semplificazione amministrativa per gli invalidi civili.
Vediamo qui di seguito punto per punto le novità nei procedimenti di riconoscimento e di conferma dello status di invalidità e di handicap e dei relativi benefici.

Rivedibilità e status
In caso di nuovo accertamento (rivedibilità) non si perdono i benefici, prestazioni, agevolazioni di qualsiasi natura fino alla data del nuovo accertamento. Prima non era così.

Patente di guida “speciale”
Se nella prima visita di idoneità alla guida la commissione certifica che il conducente presenta una disabilità stabilizzata e non necessita di modifica delle prescrizioni o delle limitazioni in atto, i successivi rinnovi di validità della patente di guida potranno essere effettuati senza passare per la commissione, cioè come tutti gli altri “patentati” con un risparmio di tempo e di denaro
Inoltre la durata della patente è quella comunemente prevista per tutti (tre, cinque, dieci anni a seconda del tipo di patente e dell’età del conducente).

Parcheggi
Il Comune deve stabilire, anche nell’ambito delle aree destinate a parcheggio a pagamento gestite in concessione, un numero di posti destinati alla sosta gratuita degli invalidi muniti di contrassegno superiore al limite minimo previsto dalla normativa vigente (1 posto ogni 50 o frazione di 50 posti disponibili). Questa indicazione, in precedenza, era facoltativa.
I Comuni possono prevedere la gratuità della sosta per gli invalidi nei parcheggi a pagamento qualora risultino già occupati o indisponibili gli stalli a loro riservati.

Certificati provvisori e agevolazioni lavorative
Vengono ridotti i tempi trascorsi i quali è possibile chiedere una certificazione provvisoria per i benefici previsti dalla legge n° 104/1992 in caso di ritardi da parte della Commissione accertatrice.
La certificazione provvisoria vale anche in caso di richiesta di congedo straordinario per l’assistenza ai poratori di handicap grave.

Invalidi civili che compiono la maggiore età
Al minore titolare di indennità di accompagnamento per invalidità civile, o cecità o di comunicazione per sordità “sono attribuite al compimento della maggiore età le prestazioni economiche erogabili agli invalidi maggiorenni, senza ulteriori accertamenti sanitari.”
Nel testo convertito in legge è stato anche soppresso l’obbligo di presentare una domanda amministrativa: la concessione avverrà in automatico.

Minori di età titolari di indennità di frequenza
Vengono sottoposti a nuova visita al compimento del 18° anno di età, ma in attesa della visita vengono concesse, su domanda, le provvidenze per invalidità civile spettanti ai maggiorenni

Rivedibilità
L’esonero dalla ripetizione di visite di verifica o di controllo spetta alle persone con disabilità stabilizzata o ingravescente, anche se non titolari di indennità di accompagnamento (invalidi, ciechi totali) o di comunicazione.

Concorsi ed assunzioni nella pubblica amministrazione
Si stabilisce che una persona con invalidità uguale o superiore all’80% non è tenuta a sostenere la prova preselettiva eventualmente prevista.

Troverete tutte le spiegazioni e le novità  nell’ultimo n° di Previdenza Flash, il n° 97 del settembre 2014.

Tutti i numeri di Previdenza Flash li trovate alla voce “Tuttoprevidenza Flash Archivio” nella home page.

Tags: ,



Comments are closed.

Back to Top ↑
  • Feed: abbonati alle ultime notizie
  • Iscriviti alla newsletter

    • Notizie recenti

    • Il libro di Simona Arrigoni

    • Archivi